Richiedenti asilo approdano al Cosmoprof come acconciatori del futuro

16 Mar Richiedenti asilo approdano al Cosmoprof come acconciatori del futuro

Il vintage del futuro nell’acconciatura si arricchisce di ricci e treccine per una società del futuro sempre più interculturale.

 

Quest’anno il COSMOPROF di Bologna, celebre salone internazionale sulle tendenze legate al settore della cosmetica e del mondo beauty, avrà una veste interculturale grazie alla speciale partecipazione dei richiedenti asilo provenienti da Reggio Emilia.

Giovani talenti provenienti da lontano andranno a Bologna nella giornata di lunedì 19 marzo per partecipare a HairRing, perfomance dedicata agli acconciatori emergenti provenienti da tutta Italia.

Il tema di quest’anno “Il vintage del futuro nell’acconciatura” sarà interpretato dai richiedenti asilo che per l’occasione potranno sfoggiare il proprio talento come truccatori e parrucchieri senza frontiere.

Diciotto giovani donne e uomini, richiedenti asilo stanno, infatti, partecipando ad un corso professionale per  parrucchieri, barbieri, estetisti  della durata di un anno accademico presso la scuola A.N.A.M di Reggio Emilia, tenuto dalla docente Maria Anna Simeoli.

Una grande occasione per i giovani professionisti  e un esempio di buona pratica che, grazie alla collaborazione fra gli enti gestori  Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, Cooperativa Dimora d’Abramo, CEIS e la scuola A.N.A.M So.La.Re,  permetterà ai giovani di affacciarsi al mondo del lavoro con un buon bagaglio di competenze ed esperienza.

Secondo Maddalena Cattani, operatrice della Papa Giovanni e referente del progetto per il raggruppamento delle Cooperative “è un’importante opportunità per i giovani migranti provenienti da Pakistan, Bangladesh, Nigeria, Costa d’Avorio, Ghana, Mali, Senegal che già nei loro paesi d’origine erano avviati alla professione di estetisti e parrucchieri e che grazie a questo corso hanno la possibilità di perfezionare la loro arte e apprendere come funziona il lavoro da parrucchiere ed estetista in Italia. E’ un esempio di come valorizzare le competenze e le risorse dei richiedenti asilo presenti sul nostro territorio, che sono portatori di esperienze che possono arricchire i contesti di lavoro e professionali delle nostre città”.

 

Per informazioni:

Maddalena Cattani

Centro sociale Papa Giovanni XXIII

E.mail: marenostrum.pg@gmail.com

Cell: 3898359884

 

FOTO 2

 

 

No Comments

Post A Comment